In offerta!

La Repubblica. Lungo il viale del suo tramonto

Ora, sembra esserci una forte probabilità che l’operazione Mani Pulite fosse a conoscenza del governo statunitense che non si oppose; è però vero che la radice di questa liquidazione della vecchia D.C. e dei suoi alleati nel cosiddetto pentapartito scaturisca da un regolamento di conti all’interno della stessa Democrazia Cristiana, da uno spirito di rivincita di politici di seconda e terza linea (le cosiddette “mezze calzette”) volte ad un’opera di “pulizia morale” e sostenute in questo dalla Sinistra con la quale avevano attivato già da tempo una fervida collaborazione (il trait-d’union era costituito da una parte della magistratura). Si trattava di un’operazione destinata a ricostituire non poche verginità a spese di altri, soprattutto, ma non solo. Parte della magistratura era nota per essersi comportata (fino alla caduta del Muro di Berlino) come molto tollerante nei confronti dei peccati veniali o no di chi stava al governo, la Sinistra voleva rilanciarsi dopo aver dovuto affrontare la più pesante delle sue sconfitte storiche (la fine del “socialismo reale”) e non desiderava dopo il danno subire anche le beffe, i cattolici di base e tutti coloro che erano rimasti periferici rispetto al potere dei parlamentari di alto grado volevano succedere loro nella speranza di attingere almeno parte dei godimenti di coloro che contribuivano a mandare a fondo.

2020, pp. 204

14,00 13,30

COD: ISBN: 978-88-5503-197-4 Categorie: ,

Autore

Papini Claudio

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La Repubblica. Lungo il viale del suo tramonto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × tre =